Omineide

Animals are not clownsL’Istituto Nazionale della Salute statunitense (NIH) ha deciso di girare pagina sul fronte della sperimentazione animale, e di chiudere quasi tutte le linee di ricerca che utilizzano nei laboratori  metodi invasivi e non invasivi sugli scimpanzé. Segue grande dibattito tra sostenitori e detrattori della sperimentazione animale. La questione etica è facile da capire, anche se poi restano sempre i nodi contorti di un antropocentrismo radicato nell’anima. La sperimentazione animale può arrivare a livelli di tortura incompatibili con quel dono empatico che ci rende umani, c’è poco da dire. Ma allo stesso tempo la ragione principale della difesa delle grandi scimmie continua a essere la loro somiglianza con noi stessi, dando per scontato che il rispetto sia dovuto solo a quelli “che sono come te”. Il concetto di rispetto della vita non dovrebbe essere proporzionale al grado di parentela o somiglianza con il giudice. A parte essere moralmente discutibile, è anche un criterio pericoloso, perché questi gradi di somiglianza possono essere soggettivi e suscettibili di repentini cambiamenti. L’attenzione dovuta alla questione etica da sempre però distoglie lo sguardo dai problemi scientifici della sperimentazione animale, che sono senza dubbio più pragmatici, oggettivi, e indiscutibili. In ordine sparso: la numerosità campionaria, l’influenza delle condizioni esterne, la validità del modello biologico. Il problema statistico del campione è realmente curioso. In altri campi dove ci sono limiti in questo senso (per esempio la paleontologia) continuamente si critica e si discredita l’approccio quantitativo in nome di una robustezza statistica insufficiente. Invece nei settori che utilizzano modelli animali (per esempio la neurobiologia) si accettano senza remore studi con pochi individui, a volte due o tre esemplari, a volte solamente uno. A parità di robustezza statistica, due pesi e due misure, evidentemente. Poi c’è la questione dell’ambiente. In neurobiologia spesso quei due esemplari utilizzati nello studio vengono da una vita trascorsa in uno stabulario, isolati da qualsiasi contesto ecologico o sociale. Se davvero l’ambiente ha quell’importanza che sospettiamo nel forgiare mente e cervello, è chiaro che quelle condizioni di laboratorio genereranno risultati da prendere quantomeno con le pinze. Infine la questione del modello. Diamo per scontato che affinità genetica voglia dire corrispondenza biologica, ma ormai da tempo sappiamo che non è così, e certi parallelismi possono essere davvero fuorvianti.

Questi limiti non devono necessariamente portare a un rigetto indiscriminato della sperimentazione animale, ma devono essere opportunamente considerati quando uno valuta il suo costo economico e morale. E ovviamente quando ne interpreta i risultati. Sia come sia, le accademie neuroscientifiche bofonchiano contro la scelta del NIH. Qualcuno sicuramente avrà le sue ragioni scientifiche e morali, ma sono in gioco soldi e carriere, e c’è da pensare che la reazione ostile non sia solo dovuta alla discordanza sul piano culturale. Il tutto mentre lo stesso sistema accademico statunitense continua a presentare stereotipi e riduzionismi nella ricerca che realmente ci saremmo dovuti lasciare dietro nel secolo scorso. Sopratutto a livello evolutivo, le neuroscienze continuano a negare approcci e risultati che non portino il loro marchio di fabbrica. In una recente e titolata revisione su neuroanatomia e evoluzione cerebrale, una di queste revisioni-manifesto del mainstream che sembrano un messaggio alla nazione, l’evidenza paleontologica si spazza via nelle prime righe dell’articolo affermando che i fossili non possono rivelare cambi evoluzionistici dell’organizzazione cerebrale, e sigillando questa condanna citando un articolo del … 1968! Beh, però a questo punto dovendo riconsegnare i resti umani alle popolazioni indigene per farle star buone, e dovendo liberare i prigionieri antropomorfi dai laboratori, credo che non gli farebbe male dare un pó più di credito alle informazioni disponibili sulle specie estinte, aggiornando le loro bibliografie e magari considerando i contributi di altre discipline complementari. L’errore non è pensare che la paleontologia abbia dei limiti, ma credere che le altre scienze non ne abbiano.

E Bruner

~ di Emiliano Bruner su gennaio 28, 2015.

4 Risposte to “Omineide”

  1. Bell’articolo, che in parte risponde ad alcune giustificazioni che ho sentito sulla sperimentazione animale via test congnitivi.
    L’importanza dell’ambiente puo` metterne, infatti, in seri dubbi i risultati.

  2. Mi sono ricordato di un articolo che lessi un paio di anni fa:
    http://fcmconference.org/img/CambridgeDeclarationOnConsciousness.pdf

  3. Questo documento introduce due punti che secondo me sono fondamentali, e incredibilmente concreti, pragmatici:

    1. La necessità di un approccio scientifico alla valutazione della complessità cognitiva delle specie animali utilizzate nella ricerca di laboratorio, valutazione finalizzata a trasformare il problema etico e morale in una questione più oggettiva, e soprattutto centrata sulla condizione biologica e non sul grado di somiglianza o affinità emozionale.

    2. La necessità di investire nella ricerca dei metodi alternativi e non-invasivi, e ovviamente di approfittare di quelle tecniche che già permettono analisi compatibili con la dignità individuale e biologica degli organismi utili alla ricerca (esseri umani inclusi).

    Si tratta di sviluppare un equilibrio sano tra volere e potere. E, soprattutto, scoprire che in molti casi (tutti quelli in cui le limitazioni di cui sopra sono serie) se si fanno le cose opportunamente si compie con un dovere morale senza arrivare necessariamente a dover fare rinunce culturali e senza necessariamente arrivare a perdere informazione. In molti casi, si tratta solo di cambiare prospettiva.

  4. Sinceramente credo che sia un errore comune in tutte le discipline e non solo nella neurobiologia, il ritenere che il proprio ambito di ricerca siail migliore in assoluto e il più infallibile. Ho una laurea triennale in biologia sto per conseguire la magistrale in neurobiologia. Ho incontrato mooolti biologi
    Che non sapevano cosa fosse la multidisciplinarietà e che snobbavano materie come l’ecologia o la paleoantropologia niente di più sbagliato. Per quanto riguarda la sperimentazione animale, che dirle, la mia esperienza in laboratorio mi ha insegnato che per avere un campione statisticamente considerabile si deve avere un N=6 ALMENO. L’influenza dell’environment certo non si può non considerare sullo sviluppo cerebrale ed è per questo che esistono(almeno le parlo di ratti e topo) gli ambienti arricchiti, Certo è che non si può pescare un topo dall’ambiente esterno sarebbe sogetto a troppi stimoli rischieremo di perdere il cocus della nostra ricerca, senza contare che si andrebbe a lavorare su di un bacground genetico sconosciuto. Ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: